[A qualcuno piace caldo]

Lo ammetto mi piace attirare la tua attenzione con titoli che stuzzichino la tua curiosità

Questa volta ho preso in prestito il titolo di un film di Billy Wilder dovere recitava una splendida Marilyn Monroe (a che altro avrei dovuto riferirmi? 🤭)

Durante i massaggi ayurvedici che faccio alle “mie Donne” spesso mi trovo ad utilizzare sorgenti esterne di calore, in particolare due, che però hanno funzioni differenti

Sto parlando dei FUNGHETTI DI BASALTO e delle SAPONETTE e delle SFERE IN SALE ROSA DELL’HIMALAYA

“😅 BEH E CHE CAMBIA? tanto è caldo uno, è caldo l’altro, comunque puoi utilizzarli indistintamente!”

eheheh, NO, ma ora vengo al dunque ⬇️

-FUNGHETTI DI BASALTO: conosciuta anche come “pietra lavica”, è un ottimo conduttore di calore ma non ha nessuna virtù benefica se non quella di portare calore nella zona in cui viene impiegata.
Ottima per il corpo, meno per il viso perché promuove il rilassamento dei tessuti e quindi lassità, infatti in questo caso meglio optare per un marmo freddo dall’effetto tonificante
(NB: né marmo né balsalto hanno proprietà curative)

– SAPONETTE E SFERE IN SALE ROSA DELL’HIMALAYA: da utilizzare ESCLUSIVAMENTE sul corpo, sul viso può provocare escoriazioni e bruciature se mananipolate da mani inesperte.
Questo tipo di conduttore di calore vanta il pregio di riuscire a DEPURARE I TESSUTI, oltre che a RICHIAMARE I LIQUIDI in superficie e quindi faliciltarne l’eliminazione.
La sua azione DECONGESTIONANTE agisce su contratture muscolari e stati di raffreddamento; dopo la frizione delle zone del corpo interessate, una volta applicato rilascia andare gradualmente il suo calore penetrando in profondità e permettendo al corpo di SCIOGLIERE TENSIONI e FLUIDIFICARE MUCHI.

Il sale infatti è conosciuto in per essere un ottimo ANTI-INFIAMMATORIO: in antichità si pensava infatti che riuscisse ad “assorbire il male” (vedi anche le tradizioni popolari che vedono il sale come mezzo per allontanare malocchi e sventure) e quindi che riesca ad assorbire l’eccesso di umidità interna al corpo promuovendo la FLESSIBILITÀ e uno stato di rilassamento e BENESSERE GLOBALE

Personalmente sono anni che lavoro con il sale e ho trovato molti modi per impiegarlo nei miei trattamenti e chi si è affidato a me può solo raccontarti come, dopo un primo momento di stupore, sia riuscita a STARE BENE

Ricorda che il miglior metodo per non cadere in preda al fastidio è GIOCARE D’ANTICIPO e che quindi PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE ❤️

Se questo post ti ha incuriosita e vuoi saperne di più CONTATTAMI con un messaggio WhatsApp cliccando QUI e sarò felice di farti conoscere tutti i benefici del SALE abbinati ai MASSAGGI DELLA MILLENARIA TRADIZIONE AYURVEDICA

Pubblicato da Silvia Goretti • Olistica Femminile

Operatrice Ayurvedica & Coach al Femminile, Maternal Personal Trainer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...